Dr. Raffaele D'Errico                                                                              medico-chirurgo specialista in pediatria

leggere con i bambini, nati per leggere, libri per bambini
 

IL NEONATO E IL LATTANTE


 

 

 

 

 

 

Perché è importante leggere con i bambini piccoli?

Il Progetto Nati per leggere nel mio ambulatorio


              

7 settembre 2012 - Aggiornato il 9 agosto 2013 



Cari genitori,
ormai tutti voi conoscete il grande progetto internazionale "NATI PER LEGGERE" promosso anche nel mio ambulatorio da qualche anno (settembre 2010).

Si tratta di un progetto volto a favorire e migliorare lo sviluppo cognitivo e relazionale del bambino attraverso la lettura ad alta voce.


 

Non si conta la letteratura che avvalora sempre più l'importanza di leggere al bambino sin dal periodo della vita intra-uterina, ma soprattutto tra i 6 mesi e i 6 anni, usando libri adeguati alla loro età, periodo nel quale le connessioni nervose del loro cervello crescono e si ramificano mentre i libri - fiumi di parole - li aiutano in questa crescita.

 

E' così bello e interessante, così vero (lo vedo con i miei occhi!) che ormai i libri nel mio studio fanno parte integrante di esso e del mio personale armamentario, utili anche per favorire e agevolare le visite e le valutazioni psico-motorie dei "miei" bambini.

 

Mi sembra ancora oggi, quel primo giorno, il 28 settembre del 2010, in cui Nati per leggere approdò nel mio ambulatorio. Scrivevo nel mio diario...

 

«Non ci credereste mai, ma questa giornata sembra essere nata e cucita per narrare una storia...
... NULLA E' UN CASO!!!
Stamani. Prima visita. Appena scaricati "i libri npl"... Bilancio 6 mesi. Nuovo svezzamento (libero, a richiesta)... Dono del libro e tante parole... La mamma, una di quelle innamorate del suo pediatra...

La piccola afferra il libretto e comincia a maneggiarlo, mordicchiarlo, osservarlo... si eccita… la più grande (4 anni) ne prende un altro dalla scrivania e dice:
"Belloooo!... Mamma... me la racconti la storia?"...
Io mi squaglio... la mamma confessa:
"Addormento le bambine davanti alla TV!"...
Mi domando: Sto sognando o son desto?
I libri stemperati sulla scrivania sono veramente un'occasione grande!

Poi arriva un piccolo di 4 anni, adottato da due mesi... prende il libro del circo... la mamma vuole impedirglielo... io le dico di lasciarlo fare... lui si sdraia a terra e (non ci avrei mai creduto!) costruisce tutto il circo… lo fa proprio bene!!! Wao!!!
Che grandezza questi bambini! Che dono poterci stare assieme... poterli toccare... potersi far amare da loro... magari un giorno contare su di loro... e poi... quegli occhi così lucidi, così profondi, così limpidi...
La grandezza di un pediatra?
Vedere bambini che crescono,
che diventano grandi e ti lasciano,
ma avere sempre scorte pronte di nuovi paffutissimi bambini,
tutti per lui... e così... si rimane sempre giovani, nel cuore!»
 

Molti di voi avranno già incontrato nel mio ambulatorio, il mercoledì pomeriggio, le bravissime volontarie Rossana e Mariagrazia che, adeguatamente formate attraverso i corsi proposti dal progetto "Nati per leggere", vengono gratuitamente per leggere ai nostri bambini e per ricordare a noi tutti, anche a me, l'importanza nell'uso del libro e soprattutto "come si legge ai bambini".

 

«Grazie Rossana e Mariagrazia per la disponibilità e il dono del vostro tempo! E' inimmaginabile che oggi come oggi ci siano ancora persone che vogliano donare non cose, ma se stessi, gratuitamente! E' un dono che però non fate a me, ma a questi "miei" bambini e alle loro famiglie. E questo perché NOI POSSIAMO INCIDERE SULLE LORO STORIE, possiamo dare una svolta al loro futuro... possiamo formare veri uomini e vere donne senza fare nulla di speciale, ma facendo grandi le piccole cose di ogni giorno, col cuore in mano, proprio come raccontare una storia, purché esca dal cuore e si perda tra le rime delle nostre labbra...»


 

Quanti di voi hanno scoperto la bellezza di accompagnare nel sonno i propri figli accarezzati da magnifiche favole? Oppure, come tenerli occupati mentre si fa una fila alla posta col magico libro conservato nella borsa?

In questi anni ho visto immagini di rara bellezza, come bambini che si acquietavano alla vista di un libro; che chiedevano al papà o alla mamma o alla nonna di leggergli quel libro; che invocavano come prossimo regalo un libro; lattanti che ciucciavano al seno della mamma mentre accarezzavano il libro che lei gli aveva appena mostrato; bambini che mi chiedevano in regalo un libro...

 

Ormai sulla mia scrivania non volano più carte e saggi di farmaci ma, stemperati come un magico velo, solo tanti e bellissimi, coloratissimi libri. Ed è meraviglioso vedere come i bambini appena entrano si precipitano ad afferrarli, manipolarli, annusarli fino a chiedere, con quella loro vocina supplichevole, "Me lo leggi mamma?"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo e tanto altro è "Nati per leggere".

Sotto troverete tante altre risposte, informazioni, materiali e link per avvicinarvi anche voi a questo meraviglioso progetto. Fatelo e, mi raccomando:

LEGGI! LEGGI! LEGGI!

RIEMPI LA TUA CASA DI LIBRI... E RICORDA...

 

Leggere con un bambino vuol dire contribuire in modo determinante alla crescita delle sue capacità cognitive e relazionali. Il bambino piccolo ha fame di conoscenza, così come ha fame di affetto e di tenerezza. Il caldo abbraccio che lo avvolge, l'intimità che si crea condividendo la lettura di un libro rappresentano il terreno ideale su cui far crescere il suo amore per le parole e per le storie oltre che le sue capacità di comprendere meglio il mondo che sta dentro e fuori di lui.

Tratto da http://www.regione.piemonte.it/natiperleggere/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

progetto

Nati per leggere

Parla, canta, sorridi al tuo bambino, fin da quando viene al mondo: la tua voce lo accarezza, lo conforta, lo circonda.
Aspetta, con calma, che lui ti risponda.

Viaggia con lui, tra parole e colori, trasforma il suo mondo in piccole storie:
fagli capire, con gesti e parole,
la tenerezza dell' essere insieme.

Le storie che ascolta lo portano in volo, gli danno parole che non conosceva, gli mettono in fuga i mostri più cupi, rispondono quiete a mille perché.

Leggi ogni giorno con il l tuo bambino.
Digli così quanto bene gli vuoi, fagli un regalo che dura per sempre.

Rita Valentino Merletti

 

LEGGERE CON UN BAMBINO E' IMPORTANTE PERCHE'...

... fin da quando nasce (e anche prima di nascere) il bambino è in grado ed è contento di ascoltare la voce umana, sia che questa gli parli, gli canti, gli racconti o gli legga una storia;


... leggere e raccontare a un bambino significa creare con lui un rapporto di speciale intimità e intensità;


... attraverso il libro si offre al bambino la possibilità di aumentare la durata dei suoi tempi di attenzione, si crea l'abitudine all'ascolto, si sollecita la sua capacità immaginativa;


... nei primi anni di vita le capacità di apprendimento linguistico del bambino sono straordinariamente elevate, ma lo sviluppo del linguaggio è tanto più ricco quanto più numerose, variegate e interessanti sono le occasioni di scambio verbale che gli sono offerte. Attraverso il libro il bambino è invogliato a ripetere le parole che ascolta, a memorizzarle e a farle entrare nel suo lessico abituale;


... le storie ascoltate rafforzano nel bambino la capacità di riconoscere nessi logici tra gli avvenimenti, le relazioni tra causa ed effetto e la capacità di ampliare i propri orizzonti assumendo il punto di vista altrui;


... attraverso le storie il bambino impara a creare collegamenti tra il proprio vissuto e gli avvenimenti raccontati e capisce quindi (precocemente e inequivocabilmente) che i libri e le storie lo riguardano molto da vicino;


... il rapporto quotidiano con il libro, la familiarità con il tempo lento e quieto della lettura costituiscono la premessa ideale per la lettura individuale che verrà in seguito;


... il contesto fortemente affettivo in cui avvengono i primi incontri con il libro induce il bambino a desiderare e a richiedere che l'esperienza sia ripetuta, favorendo la creazione di una abitudine che migliora di per se stessa le capacità di ascolto e di comprensione e motiva l'adulto ad approfondire la conoscenza dei libri, a migliorare il modo di proporli e a creare nuove possibilità di incontro fra bambino e libro (ad esempio attraverso frequenti escursioni in biblioteca o in libreria);


... condividendo libri e storie l'adulto cresce insieme al bambino.


.

 Per saperne ancora di più:

 


Un mio piccolo sogno per aiutare i loro sogni... Il Progetto del tuo pediatra "DONIAMOci un LIBRO"
L'importanza dei libri per i bambini. Lettere aperte del tuo pediatra
La Libreria Infanzia 0-6 anni nello studio del tuo pediatra
La lettura dei libri fa bene dal sesto mese di vita in poi: bella notizia (G.Biasini a Radio Kiss Kiss)
Video: Spot "Nati per leggere"
Video: Il Progetto "Nati per Leggere"
Video: Lo spazio lettura "Nati per Leggere" inaugurato a Napoli presso il PAN a ottobre 2012
www.natiperleggere.it 
Libri di qualità adatti ai bambini: una guida aggiornata per genitori e futuri lettori
Libri di qualità adatti ai bambini: suggerimenti e commenti ai libri da leggere da Milleunastoria
Nati per leggere - Strumenti per i pediatri delle cure primarie
Punto Lettura Nati per leggere a Napoli 
.
 Scarica da qui alcuni brani da leggere ai bambini:

  Filastrocca della buonanotte e del risveglio
  Il lupo e i sette capretti